Itinerario in Corsica del nord in estate |tappe obbligate, calette, panorami da non perdere

Non avevo mai preso in considerazione un viaggio in Corsica principalmente per due motivi: pensavo che fosse una destinazione molto cara ed ero convinta che non mi avrebbe colpito fino in fondo. Sono qui per fare ammenda, niente di più sbagliato: l’isola corsa può rivelarsi una meta perfetta per soddisfare diversi tipi di esigenze e può tranquillamente essere presa in considerazione come una meta estiva low cost. Ecco il mio itinerario in Corsica del nord in estate. Continua a leggere “Itinerario in Corsica del nord in estate |tappe obbligate, calette, panorami da non perdere”

Due giorni a Palinuro, in Cilento |Grotte, fari, giri in barca, mare cristallino

Siamo in Cilento, in provincia di Salerno, in un luogo di isolotti, spiagge baciate dal sole e acque affollate di pesci. Potete decidere di concentrare le vostre vacanze qui o includerla come meta per un paio di giorni, all’interno di un itinerario più ampio, come abbiamo fatto noi. Ci troviamo un tratto di costa campana considerato Patrimonio dell’UNESCO e denominato Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Siamo tra Agropoli e Sapri e se cercate spiagge con acque cristalline, siete nel posto giusto. I miei consigli per due giorni a Palinuro, tra grotte, fari, mare cristallino.

Questo territorio risplende di un fascino misterioso e mitologico. Pare che proprio qui, Palinuro, il nocchiero di Enea, che era sopravvissuto alla distruzione di Troia, giunto sulla costa cilentana si innamorò di una bellissima fanciulla di nome Kamàraton. La fanciulla non ricambiava il suo amore e catturò la sua immagine riflessa nelle acque del mare, facendolo annegare. La Dea dell’amore Venere, venuta a conoscenza dell’episodio, per punizione, trasformò la ragazza in un uno sperone roccioso dove oggi sorge Camerota.

IMG_20170810_094112

Due giorni a Palinuro: come arrivare e come spostarsi

La nostra regione di provenienza per raggiungere Palinuro era la Basilicata, arrivavamo quindi dall’entroterra. Le strade non sono il massimo, spesso con vere e proprie voragini nel terreno o con strade chiuse che vi rimandano al punto di partenza. Aggiungete quindi un po’ di tempo a quello che vi calcolerà il navigatore, perché difficilmente verranno rispettati. L’auto è comunque il mezzo migliore sia per raggiungerla, sia per girarla e vedere il più possibile le bellezze intorno.

Due giorni a Palinuro: dove dormire

Dipende da voi, ovviamente. Noi eravamo stati ospiti dei miei zii, che avevano preso un appartamento su Airbnb, poco fuori dal centro del paese. Ma sono numerosi gli hotel, i resort e i b&b anche all’interno del paese. Vi sconsiglio di utilizzare la macchina per brevi spostamenti: soprattutto ad Agosto potreste trovare parecchio traffico. Vi consiglio anche di prenotare per tempo, questa zona è molto turistica e prenotando all’ultimo potreste rischiare di non trovare una sistemazione adeguata alle vostre necessità.

IMG_20170809_102323

 

Due giorni a Palinuro: le spiagge più belle

Se non avete intenzione di spostarvi eccessivamente durante la vostra vacanza, sappiate che già nei dintorni c’è un gran numero di spiagge ed esperienze da fare.

Spiaggia Marina di Pisciotta

Una spiaggia di sabbia fine che scende dolcemente verso il mare. La spiaggia di Marina di Pisciotta è perfetta per le famiglie, qui i bambini potranno sbizzarrirsi giocando sulla spiaggia e facendo il bagno in sicurezza.

Spiaggia Le Saline

Circa cinque chilometri di costa e sabbia bianca e finissima, alternata a zone rocciose, potete scegliere voi dove stare. L’acqua è calda e trasparente. Se decidete di sistemarvi vicino alle rocce, vi consiglio di procurarvi delle scarpette per andare sugli scoglio senza farvi male.

Baia del Buon Dormire

Raggiungibile solo via mare, ve ne parlerò meglio nel prossimo paragrafo. Quello che è certo è che la baia del Buon Dormire, chiamata così in passato perché la sua conformazione naturale permetteva ai navigatori di riposarsi, oggi è tutto fuorché un luogo di solitudine e silenzio. Soprattutto in alta stagione. Se non potete fare diversamente e andate in Agosto, partite già preparati al caos e continui gommoni e barche che attraccano nella baia, se potete, andate in periodi meno affollati, come Giugno e Settembre. Lo splendore del luogo, però, è inconfutabile; motivo per cui vi consiglio di andare.

IMG_20170809_152448

Spiaggia della Marinella

La mia preferita. Un percorso da fare in macchina tra strade sterrate e rami minacciosi che spuntano fuori. Un parcheggio all’ombra, sotto gli alberi. Una breve passeggiata immersi nella natura e, appena scavallate, eccola lì la spiaggia con sabbia e piccoli sassolini chiari e un’acqua blu intenso. Non essendo particolarmente comoda per i bambini e le famiglie, questa spiaggia è di solito poco affollata. Perfetta per fare lunghi bagni e godere di quello che avete intorno. Vicino, c’è anche una parte di spiaggia privata, facilmente raggiungibile e l’ideale anche per le famiglie.

DSC_0825

Escursione in barca da Palinuro : Grotta azzurra, Capo Palinuro, Isola del Coniglio e Baia del Buon Dormire

Secondo me, quando si va in un posto di mare pieno di tesori naturalistici, un’escursione in barca è d’obbligo. Ci sono numerose agenzie che organizzano gite in barca ed escursioni, vi passerà dare un’occhiata in giro quando passeggiate la sera o mangiate un gelato, per rendervene conto.

DSC_0766

L’escursione scelta da noi includeva il promontorio di Capo Palinuro. Un’uscita in gozzo, piccole barche che ospitano circa una decina di persone in cui erano incluse diverse tappe: grotta Azzurra, scoglio del Coniglio, l’Arco Naturale, la Baia del Buondormire, in cui poter sostare. Il costo si aggira intorno ai 15/25€ a testa, con alcuni sconti per bambini e ragazzi ed è incluso un servizio navetta che dal centro del paese porta fino al porto, punto dal quale ha inizio l’escursione. Durante l’escursione entrerete nella Grotta Azzurra, caratterizzata da stalattiti e chiamata così per i suoi fondali pazzeschi: una colorazione azzurra intensa, data dai riflessi di luce creati da un condotto a 20 metri di profondità che permette alla luce di entrate, creando giochi di luce intensi.

DSC_0772

L’Arco Naturale è invece un arco suggestivo, scavato nella roccia dal tempo e dagli agenti atmosferici. Lo vedrete in lontananza via mare, avvicinandovi con il gozzo. Così come l’isola o lo scoglio del Coniglio. Magari subito non vi sembrerà, ma allontanati leggermente vi renderete conto che è veramente a forma di coniglio!

DSC_0807

Considerata una delle spiagge più belle d’Italia e del Cilento, la Baia del Buondormire è chiamata così perché, appartata e silenziosa, era utilizzata dai navigatori per riposarsi. Arrivati qui via mare, cercate un angolino tutto per voi. Non è necessario portare l’ombrellone perché lo spazio non è molto e potreste trovare difficoltà a metterlo: occhiali, cappellino o turbante e tanta crema solare. Vi consiglio di portare il pranzo con voi. Appena attraccati, troverete comunque un piccolo bar con qualche tavolino all’ombra, in cui fare un pranzo veloce o bere qualcosa di fresco. Dopo esservi tuffati nelle acque più blu e trasparenti, gambe in spalla e prendete gli scalini. Sono 476, ma anche ombreggiati e non particolarmente faticosi: dall’alto il panorama è qualcosa di incantevole!

IMG_20170809_152608

Weekend a Palinuro: cose da non perdere

Il Faro di Capo Palinuro

Imboccate la strada che va verso il faro e fatta una stradina piccola immersa tra i boschi e la vegetazione, parcheggiate la macchina ai piedi del faro, da lì dovrete proseguire a piedi. Camminate su per la breve salita e arrivate appena fuori dai cancelli. Questo, se decidete di andare in macchina. In realtà la stessa strada può essere fatta a piedi, partendo dal porto di Palinuro e raggiungendo il faro facendo trekking tra sentieri in mezzo alla natura e panorami a picco sul mare: vista su Cala Fetente e la vecchia torre di avvistamento, arroccata su uno sperone roccioso.

Questo faro è uno dei più antichi d’Italia.

Quando andare? Al tramonto, ovviamente.

IMG_20170810_194350

Marina di Camerota la sera

La festa, è indubbiamente qui. Marina di Camerota è il centro più popoloso del comune di Camerota ed è il cuore della movida di questa zona, ricco di locali e negozi aperti fino a tardi. Il luogo ideale per mangiare fuori la sera, passeggiare tra negozi, bere qualcosa, conoscere persone nuove.

Castello di Miradolo e il suo parco | Ortensie, piante secolari e la foresta di bambù più bella del Piemonte

Un pugno di verde compatto in Val Chisone, nel pinerolese, un Castello che subito non vedi, ma scorgi dopo esserti sporto dalla fitta foresta di alberi secolari, bambù altissimi e piante fiorite, del parco. Il Castello di Miradolo e il suo parco dovrebbero essere meta di ogni piemontese, almeno una volta ogni primavera ed estate; ma dovrebbe anche essere inserito in un itinerario ad hoc, a spasso tra i castelli più belli del Piemonte – e vi assicuro che avreste l’imbarazzo della scelta! Continua a leggere “Castello di Miradolo e il suo parco | Ortensie, piante secolari e la foresta di bambù più bella del Piemonte”

Weekend a Cap Corse| Itinerario di 3 giorni alla scoperta dell’indice della Corsica

La Corsica ed il suo Cap Corse mi attiravano da tempo. L’idea di attraversare una terra selvaggia, incontaminata con una sua anima tutta sua la rendevano ai miei occhi irresistibile. Ho trascorso su quest’isola 6 giorni intensi e meravigliosi, ma se avete a disposizione solo 3 giorni e cercate un luogo non turistico ed immerso nella natura il giro del Cap Corse è quello che fa per voi! Ecco a voi il mio itinerario alla scoperta dell’indice della Corsica. Continua a leggere “Weekend a Cap Corse| Itinerario di 3 giorni alla scoperta dell’indice della Corsica”

Le fioriture più belle che ho visto in viaggio e quando trovarle | Dalla Provenza al Giappone, dalla Toscana alle Fiandre

Soprattutto negli ultimi anni ho letteralmente una fissa per le fioriture in giro per il mondo. Ho sempre adorato la bellezza dei fiori e il loro profumo e amo quando i paesaggi si tingono di colori magnifici. Se ci mettiamo a riflettere un attimo, non ci sembra che esistano molti luoghi al mondo con fioriture tipiche, niente di più sbagliato! Vi racconto le fioriture più belle che ho visto in viaggio, dalla Provenza all’Olanda, passando per il Piemonte, la Toscana, le Fiandre, il Giappone. Pronti a scoprire le fioriture più belle che ho visto in viaggio? Continua a leggere “Le fioriture più belle che ho visto in viaggio e quando trovarle | Dalla Provenza al Giappone, dalla Toscana alle Fiandre”

Praga in un weekend | Visitare la città delle cento torri in inverno

Potrai dire che sono un sognatore, ma non sono l’unico” – Imagine, John Lennon

Quelle due, tre persone – mamma compresa – che non si sa per quale oscuro motivo hanno il piacere e la costanza di leggere i miei articoli (ve l’ho già detto che Elisa è una persona dotata di enorme pazienza già solo per il fatto di aver deciso di ospitarmi sul suo blog? No? Beh ve lo sto dicendo ora ed è un’informazione molto preziosa)…

Ok, in sole 4 righe sono già stata capace di fare una digressione del tutto inutile, dunque ricominciamo: quelle due tre persone avranno notato, e la conferma è proprio questo incipit, che ogni mio articolo racconta (sia chiaro, se bene che nessuno me lo ha chiesto) ciò che sono, non solo attraverso il viaggio descritto ma proprio attraverso le mie inutili digressioni, i miei sentimentalismi, le mie battute non richieste, ecc. E chi sono io per venir meno a questa altissima aspettativa anche stavolta? Nessuno! E allora ecco che vi racconto Praga in un weekend, come visitare la città delle cento torri. Continua a leggere “Praga in un weekend | Visitare la città delle cento torri in inverno”

Dintorni Bruxelles | Nella foresta incantata di Hallerbos per la fioritura dei giacinti selvatici

C’è un luogo poco distante da Bruxelles, che è semplicemente incantato. Lo immagino giallo ocra, rosso e arancione in autunno, mentre è più simile a un tappeto violaceo in primavera, fitto dalla presenza di tante piccole e timide campanule di giacinti selvatici. La foresta di Hallerbos è un luogo fatato, in cui sarete cullati solo dal silenzio della natura che vi circonda. Un luogo non così facilmente raggiungibile, sebbene sia molto vicino a Bruxelles, ma non impossibile. Qui vi racconto tutto, come raggiungerlo e in quale periodo andare. Continua a leggere “Dintorni Bruxelles | Nella foresta incantata di Hallerbos per la fioritura dei giacinti selvatici”

Visitare Petra, alla scoperta di una delle sette meraviglie del mondo

Immaginate di camminare lungo il Siq seguendo la luce tiepida delle candele che indicano il percorso a tratti illuminato dalla luna. Immaginate di essere circondati da persone da tutto il mondo che come voi camminano velocemente lungo il sentiero sterrato. Immaginate di sentire il vostro cuore battere ad ogni passo, sempre di più, ancora più velocemente. Immaginate di intravedere all’improvviso attraverso uno spiraglio le colonne, immaginate poi di trovarvi immersi tra le candele, immaginate di sedervi su un lungo tappeto e stringere una tazza di tè caldo sotto una coperta di stelle. Immaginate di essere abbracciati dall’oscurità, piccoli, piccoli, seduti ai piedi di una delle sette meraviglie del mondo!

Sbattete le palpebre, respirate profondamente perché siete realmente qui, a visitare Petra, una delle sette meraviglie del mondo ed è meglio di quello che avete letto sui libri, visto nei documentari e ascoltato dai racconti di chi c’è stato. Continua a leggere “Visitare Petra, alla scoperta di una delle sette meraviglie del mondo”

Dove fare colazione e merenda a Torino | I miei posticini del cuore per pause speciali

Se penso a del tempo da trascorrere fuori con un’amica, penso senza dubbio a una colazione o merenda in un posto speciale. I posti speciali che frequento nella mia città, sono quelli in cui amo perdermi tra la poesia di un cappuccino spumoso o di un gianduiotto che si scioglie in bocca, quelli che amo per essere in una via speciale di Torino o quelli a cui sono affezionata semplicemente per motivi e ricordi personali. Soprattutto negli ultimi anni, a Torino si stanno modernizzando i caffè, punti di riferimento da sempre, ma stanno anche nascendo nuove e fresche realtà, in cui ci si sente catapultati in un mondo parallelo. Quali sono i miei posticini del cuore per fare colazione e merenda a Torino? Continua a leggere “Dove fare colazione e merenda a Torino | I miei posticini del cuore per pause speciali”

Viaggio in Giappone consigli pratici | Come organizzare il vostro primo viaggio nel paese del Sol Levante

Un viaggio in Giappone, era uno di quei sogni che avevo da una vita? No! Ma quando ho iniziato a pensare seriamente come mi sarebbe piaciuto festeggiare il traguardo dei trent’anni, complici alcune fotografie scovate qua e là, ho iniziato a pensare che forse festeggiare l’arrivo della mia amata primavera e l’arrivo anche di questa fatidica data, proprio sotto i Sakura giapponesi, poteva essere sensazionale. E così è stato. Fatti i biglietti una sera di un paio di mesi fa, tutto era deciso: si andava in Giappone! Ma da dove cominciare? È davvero così complicato organizzare un viaggio qui? In questo articolo vi lascio una mini guida di consigli pratici per organizzare la vostra prima volta in Giappone. Pronti? Continua a leggere “Viaggio in Giappone consigli pratici | Come organizzare il vostro primo viaggio nel paese del Sol Levante”