Dove dormire nel Monferrato | Immersi tra la bellezza delle colline monferrine

Dolci colline sinuose, il Monferrato splende accanto ai territori delle Langhe e del Roero. Le colline monferrine sono Patrimonio UNESCO dal 2014 e vi confido che forse sono tra i territori che amo di più in Piemonte.

Belle da far girare la testa, meno frequentate delle celebri colline accanto, vi offriranno la possibilità di assaporarle con lentezza e in modo autentico. Uno dei luoghi in cui amo fuggire per un weekend vicino Torino, in cui perdermi tra buon cibo e calici di vino al tramonto. Vi racconto le strutture perfette per dove dormire in Monferrato, i luoghi che amo di più e nei quali sono stata più volte a dormire.

Continua a leggere “Dove dormire nel Monferrato | Immersi tra la bellezza delle colline monferrine”

Cosa fare e cosa vedere nel Monferrato | 9 tappe da non perdere

Tra le colline piemontesi Patrimonio UNESCO dal 2014 ci sono così tante cose da vedere e da fare, che sono pronta a scommettere che il Monferrato non vi stuferà. Tra le colline di Langhe, Roero e Monferrato forse sono proprio quelle monferrine le mie preferite, con meno turisti a spasso, più tranquillità, borghi tirati meno a lucido ma più autentici, ritmi lenti e paesaggio a perdita d’occhio.

Ho raccolto in questo articolo tutte le cose da fare e da vedere nel Monferrato, perfette per qualche gita se lo avete poco lontano da casa o per trascorrere un weekend ricco.

Continua a leggere “Cosa fare e cosa vedere nel Monferrato | 9 tappe da non perdere”

Castello di Fénis, una visita da non perdere

Se Castel Savoia è il castello romantico delle principesse ed il castello di Verrès è quello dei cavalieri, il Castello di Fénis con le sue torri e le sue alte mura merlate nell’immaginario comune rappresenta alla perfezione il castello medievale! 

Nonostante il suo aspetto, piuttosto bellicoso, non venne costruito a scopi difensivi ma bensì come una dimora residenziale per la famiglia Challant. Il castello, che è quasi un tutt’uno con il borgo, sorge a Fénis a solo una ventina di chilometri da Aosta. Grazie al suo fascino antico questo maniero è senza ombra di dubbio il più conosciuto e visitato del circuito dei castelli, e vi suggerisco di fare altrettanto ed aggiungerlo alla vostra lista di luoghi da visitare in Valle d’Aosta

Continua a leggere “Castello di Fénis, una visita da non perdere”

Il borgo di Étroubles, museo a cielo aperto in Valle d’Aosta

Scopritrice di borghi piccolini e iper fioriti potrebbe essere tranquillamente una caratteristica da aggiungere al mio CV. Quando mi trovo in una regione, non importa se per la prima volta o per la centesima, mi piace andare alla scoperta dei suoi borghi, di entrare nella modalità tranquillità che riescono ad emanare.

Sono tanti i borghi della Valle d’Aosta che vi faranno girare la testa: una manciata di case con balconi che esplodono di fiori coloratissimi e profumi. Étroubles è uno dei questi.

Continua a leggere “Il borgo di Étroubles, museo a cielo aperto in Valle d’Aosta”

I borghi più belli delle Langhe, i borghi da non perdere

Per chi ha voglia di spingersi sulle colline, tra sali e scendi seducenti e meravigliosi paesaggi, le Langhe sono la destinazione perfetta per andare in cerca di ottima cucina, di scorci da incorniciare in una fotografia, di borghi pittoreschi.

Piccoli e autentici, numerosissimi ma disseminati tra le colline, potreste creare un itinerario di borghi nelle Langhe senza stancarvene mai.

Continua a leggere “I borghi più belli delle Langhe, i borghi da non perdere”

Un giorno a Bossolasco | Tuffo in piscina e un giro nel borgo delle rose

Siamo nelle mirabolanti Langhe, esattamente alla destra del fiume Tanaro: eccola lì puntellata di borghetti deliziosi e tanto verde, l’Alta Langa. Pensate un po’ che a Bossolasco, incantevole borgo celebre per le sue rose in fiore un po’ ovunque, fino a qualche anno fa in inverno si poteva sciare. Ora l’attrazione principale sono proprio i fiori profumatissimi, di tutti i colori, presenti per le stradine ciottolate, a incorniciare portoni e finestre.

Caratteristico e rurale, non stupisce pensare che Bossolasco è stato a lungo uno storico luogo di villeggiatura per numerosi pittori torinesi, tra cui Felice Casorati. Cosa vedere a Bossolasco, dove mangiare, andare in piscina.

Continua a leggere “Un giorno a Bossolasco | Tuffo in piscina e un giro nel borgo delle rose”

Val di Funes| La bellezza delle Odle, le montagne care a Reinhold Messner

La Val di Funes si trova nel cuore delle Dolomiti in Alto Adige, ma nonostante questo è una delle valli più nascoste e meno turistiche. Le regine della Val di Funes sono infatti le Odle, anche chiamate montagne pallide, la palestra di Reinhold Messner. Le Odle segnano il confine tra Val di Funes e Val Gardena e fanno parte del Parco Naturale Puez-Odle.

La Val di Funes custodisce una chiesa che sembra fatta di marzapane, forse il simbolo della valle, piccole frazioni e passeggiate incredibilmente scenografiche ma adatte a tutti. Ecco tutte le cose da fare e da vedere in questa valle.

Continua a leggere “Val di Funes| La bellezza delle Odle, le montagne care a Reinhold Messner”

Lago di Resia in Alto Adige | Un campanile sommerso e il borgo di Curon

Un lago che sembra una tavola, da cangianti colori azzurri, che in inverno quasi sempre gela, permettendo anche ai più coraggiosi di camminare sulla sua superficie. IL Lago di Resia è forse tra i luoghi più suggestivi dell’Alto Adige, incredibile e affascinante, a tratti inquietante, legato a una storia vera ( nessuna leggenda ) e dolorosa della Val Venosta.

Il Lago di Resia infatti nasconde un borgo sommerso, l’antico borgo di Curon, di cui rimane un unico testimone a osservare tutto dall’alto, il campanile sommerso. A questo luogo si sono ispirati per una serie tv Netflix e un bellissimo libro di Marco Balzano. Ma anche i dintorni del Lago di Resia sono ricchi di luoghi da non perdere.

Continua a leggere “Lago di Resia in Alto Adige | Un campanile sommerso e il borgo di Curon”

Camogli, vi porto con me in un luogo magico della Liguria

Quello che riesce a sprigionare in me il borgo di Camogli quasi a dovervi addirittura dire, un pò a malincuore perché farò un torto agli altri, che è il mio preferito, difficilmente lo saprei spiegare. E quindi non proverò neppure a farlo.

Ma proverò a darvi un consiglio, che ha un suo perché. Camogli è un luogo dalle mille facce: va osservato in inverno durante una potente mareggiata, va apprezzato in estate con un bel tuffo nelle sue acque limpide, va accarezzato al tramonto, quando i colori pastello delle sue casette in fila si fanno ancora più belle. Vivetelo, amatelo. E sono certa che non vedrete l’ora di tornare.

Continua a leggere “Camogli, vi porto con me in un luogo magico della Liguria”

La bellezza di Porto Maurizio, uno dei due abitati che costituiscono Imperia

La zona di Imperia è pura poesia: non eccessivamente turistica neppure in alta stagione, ricca di cose da fare nei pressi e nei dintorni. Dopo un recente viaggio a Imperia, un paio di estati fa, mi è rimasta la voglia di tornare nella Riviera dei Fiori, così poco frequentata perché più lontana da me rispetto alla zona di Savona.

Ecco che allora appena ne ho avuto l’occasione ho deciso di dedicare due interi giorni a visitare tutte le cose da vedere a Porto Maurizio, uno dei due abitati di Imperia, sicuramente il suo cuore più antico.

Continua a leggere “La bellezza di Porto Maurizio, uno dei due abitati che costituiscono Imperia”