Itinerario Sicilia Occidentale | Viaggio di 10 giorni tra Trapani e dintorni

La Sicilia occidentale è quella parte di Sicilia che non guarda verso l’Italia, ma ha lo sguardo verso terre calde e lontane, quelle dell’Africa. Quella parte di Sicilia che amo immensamente e che, non l’ho mai nascosto, preferisco in assoluto. Anzi, vi dirò di più: secondo me non potete dire di essere stati in Sicilia se non siete stati almeno una volta qui. Sarà per il suo clima gradevole, per le sue spiagge magnifiche e non così affollate, sarà perché me ne sono innamorata ad ottobre 2010 e da allora, non sono più riuscita a dimenticarla.
Ma come muoversi in una settimana? Cosa fare? Cosa vedere? Itinerario Sicilia occidentale, qui di seguito vi racconto tutto.

Itinerario Sicilia Occidentale: qualche consiglio pratico su Trapani

Perché base a Trapani? Per due motivi principalmente: perché è una delle città più grandi e più vive durante la sera e questo porta anche ad una scelta di alloggi più vasta rispetto ai posti vicini e perché Trapani è la base perfetta per scoprire una fetta importante della Sicilia occidentale. 

DSC_0718__
Lo splendore di Trapani mi ha conquistata nel 2010

Dato per niente trascurabile: Trapani è una cittadina sul mare vivissima, non solo da sfruttare come punto di partenza per esplorare i dintorni, ma anche da vivere. Ristorantini indimenticabili, mare da favola, tramonti in spiaggia uno più bello dell’altro.

Qui ve ne ho parlato meglio, di Trapani come città, di come spostarvi ( sappiate che è fattibile anche per chi NON noleggia un’auto ), di cosa fare e dove dormire.

Itinerario Sicilia Occidentale: giorno 1

Trapani, vivetela

Sia che alloggiate verso il porto, dove il pesce tutte le mattine arriva fresco e buonissimo ed è tutto un susseguirsi di voci e urla e fila per accaparrarsi il taglio più buono, sia che decidiate di alloggiare nel centro storico o nei pressi del Lungomare Dante Alighieri vicinissimi alle spiagge, sappiate che almeno un’intera giornata e annessa serata a Trapani, è d’obbligo.

E non dimenticate che qui il sole tramonta sul mare. Ed è davvero imperdibile!

10599197_311498702355092_1563867541952376487_n
Trapani, tramonto sul mare

Itinerario Sicilia Occidentale: giorno 2

Mazara del Vallo, immergersi nella kasbah

Una giornata intera va per forza dedicata a Mazara del Vallo, per niente inclusa nei soliti itinerari turistici, ma la ragione mi è totalmente oscura. Raggiungibili in auto ma anche in treno da Trapani, tenete però conto che se volete fare anche un po’ di mare raggiungere le spiagge con mezzi pubblici è impossibile. Se invece andate in auto potete godervi le acque trasparenti di Mazara nella spiagge di Capo Feto, Tonnarella, la Quarara e Capo dei Turchi. 

Ma andate a Mazara soprattutto per immergervi nella sua kasbah, visitata in una giornata caldissima e arida, mi ha letteralmente fatta innamorare: opere di street art, cactus giganti e piastrelle variopinte alle pareti; l’Africa vi sembrerà ancora più vicina. Da non perdere la Chiesa a cielo aperto di Sant’Ignazio. Del mio amore per Mazara ve ne avevo già parlato qui.

 

14231922_597577747080518_5620012513576492608_o
Mazara del Vallo e la sua kasbah

Itinerario Sicilia Occidentale: giorno 3

Marsala e le Saline della Laguna al tramonto

Marsala è raggiungibile tranquillamente in treno, dista da Trapani una trentina di chilometri. Per raggiungere le saline, invece è necessario avere l’auto. Ricordo quella sera con eccitazione e gioia: il sole stava quasi per tramontare ma è impossibile prevedere quanto ancora starà lì, a tingere tutto il cielo di rosso e rosa e quando invece deciderà di buttarsi dietro l’orizzonte e sparire. Volevamo arrivare alle Saline della Laguna al tramonto, dopo aver passato un’intera giornata a Marsala ( ve ne ho parlato qui ), nel suo grazioso centro storico, tra una cantina, un negozietto e una piazza assolata e le sue lunghe spiagge dai fondali sabbiosi.

Abbiamo sbagliato strada ed eravamo convinti di non riuscire ad arrivare in tempo e invece, lo spettacolo davanti ai nostri occhi è stato da togliere il fiato! I cumuli di sale, i mulini in lontananza, le vasche piene di sale che riflettevano le luci del tramonto:  le Saline della Laguna sono pura magia.

10600500_311499362355026_8803597670573985286_n - Copia
Saline della Laguna al tramonto, Marsala

Itinerario Sicilia Occidentale: giorno 4

San Vito lo Capo, acqua turchese e i negozi della sera

È arrivato il momento di godersi un bel mare, rilassarsi, con un bel libro sotto l’ombrellone ( il sole in Sicilia non scherza! ). Sono stata parecchie volte a San Vito lo Capo, anche se solo per un giorno intero ogni volta. Ho sempre un problema con i posti troppo famosi : finisce che quasi sempre mi deludono. A San Vito e alle sue acque è legato un momento dolcissimo e importantissimo della mia vita e già solo per questo motivo ha un posto speciale nel mio cuore. 

10606109_311499509021678_2660684563208070313_n - Copia
San Vito lo Capo, nel blu più blu

San Vito lo Capo sa conquistare tutti, per la sua bellezza e allo stesso tempo semplicità. Non riuscirete a essere indifferenti alla spiaggia a forma di mezzaluna e alle sue acque cristalline: portate con voi maschera e boccaglio per un tuffo a tutto tondo nell’azzurro più meraviglioso. E se riuscite, rimanete fino a dopo il tramonto, le sue viuzze si riempono di bancarelle, i negozietti accendono le luci e i ristorante si riempiono di voci.

Ma se dormite qui non fate l’errore di pensare che sia il posto più bello della costa occidentale, evitando di esplorare i dintorni, perché rischiereste di perdervi tantissimi altri luoghi che invece meritano.

Itinerario Sicilia Occidentale: giorno 5

Selinunte, il parco archeologico più grande d’Europa

Riposati e ristorati, è la giornata giusta da dedicare alla storia e alla cultura. A quella greca per l’esattezza, a Selinunte, nel parco archeologico più grande d’Europa, che si trova nella frazione di Marinella di Selinunte.

DSC_0838_

Il Parco archeologico è comodamente raggiungibile in auto da Trapani, ma attenti perché il parcheggio gratuito a disposizione non è enorme: vi consiglio quindi di venire alla mattina presto o verso il tramonto e di approfittare anche della vicinissima Marinella di Selinunte per fare un tuffo ristoratore. Il luogo non è di quelli indimenticabili della Sicilia, ma fare un bel bagno fresco dopo la visita al parco archeologico sarà una benedizione dal cielo! Se non avete noleggiato un’auto, nessun problema: da Trapani potrete raggiungere il parco prima prendendo il treno fino a Castelvetrano e poi l’autobus.

 

DSC_0761_min
Parco archeologico Selinunte

Il Parco archeologico di Selinunte è sicuramente – a torto – meno famoso della Valle dei Templi di Agrigento ma è assolutamente imperdibile. Il tempio di Hera è quello più conservato ed è letteralmente da togliere il fiato.

Imponente, monumentale, maestoso, solenne, lo sguardo si perderà tra colonne e polvere. 

Un luogo con un ingresso anonimo ma senza dubbio emozionante: immergetevi nel silenzio dei suoi resti per sentirvi nell’Antica Grecia!

Costo per un adulto 6 euro, 10 con visita guidata. All’interno è molto grande, vi consiglio di prendere il trenino elettrico per spostarvi.

Itinerario Sicilia Occidentale: giorno 6

Mare a Trapani e tramonto a Erice

Dopo tanto viaggiare, il sesto giorno può ancora essere dedicato a Trapani. Un tuffo nelle sue spiagge nude, una granita o un gelato con brioche nel suo centro storico, un salto al mercato del pesce, nei pressi del porto.

10407376_311498555688440_787198810045213351_n
Erice, prediligete la funivia per arrivare in cima e godervi la vista

Quando il sole inizia a scendere però, dirigetevi a Valderice per prendere la funivia verso Erice, un piccolo borgo medioevale in cui passeggiare e godervi il tramonto. E se la vostra glicemia non ne risente, fate un salto alla pasticceria di Maria Grammatico ( ve ne ho parlato anche qui ).

Itinerario Sicilia Occidentale: giorno 7

Riserva dello Zingaro, preparate occhi e cuore

Calette incantevoli con acque cristalline, percorsi di trekking che richiedono un minimo di impegno, la Riserva dello Zingaro è un’oasi protetta accessibile da soli due ingressi: a nord da San Vito lo Capo e a sud da Scopello. 

10419047_311500049021624_2271891993965520358_n
Riserva dello Zingaro, passeggiata e bagno in un’oasi protetta

Inseritela nel vostro itinerario per staccare da tutto: 10 chilometri e un’intera giornata immersi nella natura più pura e in paesaggi che dimenticherete difficilmente. Ognuno potrà fermarsi dove preferisce, non siete obbligati a percorrerla tutta. Alcune cale da sogno? Marinella, Beretta, Torre dell’Uzzo. 

Itinerario Sicilia Occidentale: giorno 8

Mare a Macari, nella Baia omonima, tra fichi e mandorle

Per fare un’altra giornata di bel mare, senza allontanarsi troppo da Trapani e senza stancarsi eccessivamente, vi consiglio la Baia Santa Margherita. Partendo da Trapani si trova sulla strada per raggiungere San Vito e anche in questo caso potete raggiungerla sia con l’auto sia con il pullman. La fermata del pullman si trova in salita verso il paese, basterà ridiscendere verso la costa e sarete arrivati. Guardatevi in giro, qui sono tantissimi gli alberi stracolmi di fichi e mandorle, il più delle volte abbandonati: io ne ho approfittato!

10645182_311499482355014_5624196019186198770_n
2,5 chilometri di costa, potrete scegliete tra spiaggia di sabbia o rocciosa

Dall’1 Giugno al 30 Settembre, dalle ore 8,30 del mattino alle 20.30 di sera, la costa è interdetta alle automobili. Si può accedere alle calette grazie a Ercolino, un trenino turistico gratuito che effettua corse ogni 10 minuti. Perfetto con i bambini!

Itinerario Sicilia Occidentale: giorno 9

Gita alle Egadi: Favignana, Levanzo e Marettimo

Favignana è la più grande delle Egadi e la più vicina alla costa siciliana. Motivo per cui la maggior parte delle persone la prediligono per una gita giornaliera. Ma è un peccato: purtroppo in alta stagione Favignana è preda di folle di turisti, a differenza della vicina Levanzo e della ben più lontana Marettimo, più selvagge e meno frequentate.

Di Favignana, l’isola a forma di farfalla, ho parlato moltissimo sul blog, potrete leggere tantissimi articoli. Quello che vi consiglio per sfruttare al meglio una sola giornata passata qui è fare un bagno all’isola vicino al piccolo porto, La Praia e concedervi una visita allo Stabilimento Florio che racconta la storia dell’isola, dedita sin dall’antichità alla pesca del tonno. Per me, uno dei luoghi da non perdere: un pezzo di storia dell’isola e di tutta la Sicilia è qui. Questi luoghi sono raggiungibili a piedi, se invece volete girare per l’isola potete noleggiare le biciclette o gli scooter.

13165953_552357254935901_2303037180354902579_n
Cala Rossa, Favignana

Se avete a disposizione un giorno in più non perdetevi una giornata anche a Levanzo. Arrivate nel suo porticciolo di buon’ora e aspettate che il traghetto abbia nuovamente caricato le persone e sia ripartito. Voltatevi e davanti ai vostri occhi si presenterà una delle cartoline più belle che potreste collezionare: case bianche con persiane azzurre, mare azzurro incantevole, e silenzio.

Sono tanti i sentieri per partire alla scoperta delle cale, dei luoghi, del mare più bello dell’isola. Di solito durante i periodi di alta stagione, arrivati sull’isola, potrete prendere una cartina e chiedere qualche informazione al personale presente in loco.

13268040_552358538269106_3338017602543828651_o
Cartolina da Levanzo

La cosa che amo di quest’isola? Poter fare il bagno sia a Maggio sia a Ottobre, momenti che vi consiglio con tutto il cuore per godere della calma di queste placide isole lontani dai periodi di alta stagione.

Itinerario Sicilia Occidentale: giorno 10

Scopello, bagno ai Faraglioni e passeggiata nel borgo

A un pugno di chilometri dalla Riserva dello Zingaro troverete Scopello, famoso soprattutto per i suoi famosi faraglioni infilzati nel mare e per il borgo di Scopello alta che in estate si anima di localini e turisti che passeggiano ( ve ne ho parlato meglio qui !).

DSC_0947_min
Faraglioni di Scopello di sera

La Tonnara di Scopello, proprio di fronte ai Faraglioni che emergono da acque blu limpidissime, risale al 1300. Oggi è stata riconvertita a struttura turistica con appartamenti e stanze per vivere giorni proprio in riva al mare.

 

 

 

2 pensieri riguardo “Itinerario Sicilia Occidentale | Viaggio di 10 giorni tra Trapani e dintorni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...