Mostre imperdibili a Torino, da visitare per tutta l’estate | Tra nuove mostre e mostre prorogate

Chi la descrive ancora come una città grigia è perché probabilmente non mette piede a Torino dagli anni Ottanta o, ancora peggio, non l’ha mai visitata. Torino, invece, negli ultimi anni è un tripudio di eventi culturali di ogni tipo: si spazia dall’arte al cinema, dal teatro all’artigianato. Se volete occupare tutti i weekend dell’anno, state certi che a Torino ci sarà comunque qualcosa da fare che accontenterà i gusti di tutti. Nelle prime settimane dell’anno mi sono buttata a capofitto tra le mostre più belle delle città, alcune di queste sono state prorogate fino a fine estate. Altre mostre, sono nel frattempo state allestite, così che anche chi rimarrà in città, avrà sicuramente da fare. E quindi eccole qui, le mostre imperdibili a Torino: un itinerario tra nuove mostre e mostre prorogate.

L’ideale per un itinerario insolito di Torino, un viaggio tra mostre cittadine, in alcune delle più belle gallerie d’arte della città e in alcuni dei musei più sensazionali. E allora, qui vi racconto le ultime mostre che ho avuto il piacere di visitare, con alcune informazioni pratiche: fino a quando saranno visitabili, a chi le consiglio.

Mostre imperdibili a Torino

Andrea Mantegna. Rivivere l’antico, costruire il moderno

Stupita, ecco come mi ha lasciato la mostra di Andrea Mantegna. Quando immaginiamo una mostra sul Rinascimento, pensiamo spesso a qualcosa di “antico”, poco intrigante. E a meno che non si sia dei veri e propri appassionati, il rischio di non sentirci coinvolti è alto.

86826159_1052729491761919_5769486537163014144_o
La mostra di Andrea Mantegna, a Palazzo Madama è stata prorogata fino al 20 Luglio 2020

Invece la mostra, sotto gli splendidi soffitti di Palazzo Madama inizia con un video accompagnato da una musica serrata e incalzante, che predispone alle opere meravigliose che si vedranno subito dopo. Una mostra ricca, interessante e imperdibile.

Dove: Palazzo Madama

Fino a: 20 Luglio 2020

Consigliata a chi: pensa di aver già visto tutto sul Rinascimento, ama questo periodo storico, non vuole perdersi la bellezza di Palazzo Madama e la sua vista dall’alto.

Se non avete mai visitato Palazzo Madama, questa può essere l’occasione giusta per farlo. Inoltre, non potete assolutamente perdervi la sua vista: dirigetevi all’ultimo piano per ammirare la Mole Antonelliana in lontananza, Palazzo Reale e Piazza Castello.

87002952_1052729411761927_8844551334322503680_o
All’ultimo piano di Palazzo Madama non perdetevi la vista di Torino dall’alto

Mostre imperdibili a Torino

Dipingere l’Asia dal vero

La mostra Dipingere l’Asia dal vero, nella splendida location del MAO, Museo d’Arte Orientale di Torino è a dir poco imperdibile. Ispirata alla vita e alle opere di Arnold Henry Savage Landor, personaggio poliedrico, allo stesso tempo viaggiatore, scrittore, antropologo, fotografo, la mostra ruota intorno al suo talento di pittore. Partito da giovane alla scoperta del mondo, Savage Landor viaggiò in alcuni paesi dell’Africa settentrionale e dell’America, per poi passare alla scoperta dell’Asia: Giappone, Corea, Cina. Fu proprio in Asia che dipinse centinaia di opere en-plein-air.  dove dipinse centinaia di opere dal vero in uno stile ‘impressionistico-macchiaiolo’ di rapida esecuzione.

IMG_20200215_145112
Mostra Dipingere l’Asia al MAO, prorogata fino al 6 Settembre 2020

Un personaggio che in vita ha goduto di una grande fama, ma dopo la morte è caduto nell’oblio, la mostra è proprio l’occasione per conoscerlo e per riscoprirlo: 130 dipinti, 10 acquarelli e 5 disegni che l’artista anglo-fiorentino realizzò nei suoi lunghi soggiorni e viaggi attraverso Cina, Giappone, Corea, Tibet e Nepal.

Dove: MAO, Museo Arte Orientale

Fino a: 6 Settembre 2020

Consigliata a chi: ama perdutamente l’Asia, a chi ha voglia di lasciarsi ispirare dalla cultura orientale.

IMG_20200215_144930
La mostra Dipingere l’Asia è ispirata alla vita e alle opere di Arnold Henry Savage Landor

Mostre imperdibili a Torino

Helmut Newton. Works

Una delle mostre più belle degli ultimi mesi, almeno secondo me. La mostra Helmut Newton. Works ha aperto la stagione del nuovo anno della GAM ed è stata prorogata fino a Settembre inoltrato. Promossa da Fondazione Torino Musei e prodotta da Civita Mostre e Musei, con la collaborazione della Helmut Newton Foundation di Berlino, la mostra include 68 scatti, che hanno reso perpetuo e inarrestabile il mondo della moda.

Helmut Newton, personaggio poliedrico, mai banale, dedito al glamour e al mondo della bellezza e della moda, nasce nel 1920 a Berlino e muore improvvisamente a Los Angeles nel 2004; nel frattempo vive tra Londra, New York, Trieste, Monaco, Singapore. Fotografa ciò che lo attrae, ciò che ritiene bello, il mondo come lo vorrebbe e non come appare davvero, scatta per Vogue, Vogue Uomo, Vanity Fair, immortalando alcuni dei personaggi più illustri, come Gianni Agnelli, Andy Warhol, Anita Ekberg, Picasso, Claudia Schiffer. Alcuni di questi scatti memorabili li ritroverete in mostra.

IMG-20200215-WA0026-01
Alcuni degli scatti più memorabili di Helmut Newton sono nella mostra allestita alla GAM

Dove: GAM, Galleria Arte Moderna

Fino a: 20 Settembre 2020

Consigliata a chi: ama i personaggi sopra le righe, difficilmente incasellabili in una categoria, ma anche la fotografia di moda e il glamour.

Mostre imperdibili a Torino

Storie dal Marocco

Con la collaborazione di una ventina di famiglie marocchine dell’associazione Bab Sahara di Torino, Storie dal Marocco è un progetto nato lo scorso Autunno per portare avanti la memoria e la storia del patrimonio culturale del Marocco. Alla base di questa riflessione si è quindi chiesto alle famiglie partecipanti, e in particolare alle donne, di individuare e raccogliere gli oggetti personali che secondo loro meglio testimoniavano le memoria del Marocco, la sua identità e il suo bagaglio di tradizioni e cultura.

IMG_20200615_153230
Storie dal Marocco, la mostra che racconta un Paese attraverso gli oggetti di uso quotidiano

Tantissimi oggetti che in un attimo vi faranno volare con la mente nell’atmosfera marocchina: un abito da sposa della tradizione berbera, il necessario per l’hammam, una teiera. La mostra è tutta in un’unica sala, con pochi pezzi esposti, ma può essere l’occasione giusta per visitare anche il resto del Museo d’Arte Orientale.

Dove: MAO, Museo Arte Orientale

Fino a: 30 Agosto 2020

Consigliata a chi: da quando ha fatto un viaggio in Marocco non riesce a pensare ad altro, a chi soffre il Mal d’Africa e ama scoprire.

IMG_20200615_153425
Al centro un abito da sposa berbero, a lato altri abiti tradizionali marocchini

Mostre imperdibili a Torino

Memoria e Passione. Da Capa a Ghirri. Capolavori dalla Collezione Bertero

Curata da Walter Guadagnini, il direttore di CAMERA, la mostra narra l’evoluzione della fotografia italiana e internazionale dagli anni Trenta fino agli anni duemila. La mostra è anche un omaggio per Guido Bertero, che vanta una collezione di oltre duemila immagini. I curatori hanno scelto, da questa collezione, oltre 300 stampe, di 50 autori di fama mondiale della seconda metà del Novecento. Fra le numerose immagini in mostra, ci sono alcuni degli scatti più famosi e riconoscibili.

IMG_20200605_170035
Oltre 50 fotografi di fama mondiale per narrare l’evoluzione della fotografia dagli anni Trenta alla fine del XX secolo

Dove: CAMERA, Centro Italiano per la Fotografia

Fino a: 30 Agosto 2020

Consigliata a chi: ama la storia e l’evoluzione della fotografia, non è mai stato a CAMERA e adora le mostre fotografiche.

IMG_20200605_163534
Oltre 300 stampe dalla Collezione Bertero, con una mostra curata dal direttore di CAMERA

 

[ Post in collaborazione ]