Venezia: consigli pratici e luoghi del cuore da non perdere

Dolcemente nostalgica e maledettamente romantica: sono tornata a Venezia per la terza volta, dopo che la prima e la seconda, proprio non mi era piaciuta. Non sempre accade che ciò che ha colpito gli altri, colpisca anche noi. Ma spesso mi accade di aver voglia di dare una seconda possibilità alla città che non mi ha convinto. Come una persona incontrata nel momento sbagliato, come un libro letto in una sera in cui era meglio non farlo, anche i luoghi possono non colpirci per mille e un motivo. Questo è il mio racconto della seconda chance che ho dato a Venezia e della sua capacità – finalmente- di farmi innamorare di lei.

Venezia: come raggiungere la città

Quello che è certo e non sempre scontato è che a Venezia le auto non ci sono. E anche le biciclette sono bandite ( anche se sfido davvero a utilizzare le bici tra canali, scale e scalini ). A Venezia ci si muove esclusivamente in due modi: o con le proprie gambe o con il vaporetto, soprattutto per coprire le distanze più lunghe.

DSC_0341-min
Venezia è un giro in gondola

 

Il modo più comodo e veloce per raggiungere la città, è indubbiamente il treno. Usciti dalla Stazione di Santa Lucia, infatti, vi ritroverete vicinissimi a Piazzale Roma e al centro di Venezia e armati di bagagli potrete raggiungere comodamente le vostre strutture o Piazza San Marco e tutti gli altri luoghi di interesse. Considerate che Venezia, in fin dei conti, è una piccola città e le distanze tra un luogo e l’altro sono facilmente percorribili.

Se provenite da lontano e il treno non è la soluzione migliore per voi e preferite optare per l’aereo, nessun problema: dall’aeroporto, sempre tramite vaporetto, potrete raggiungere direttamente San Marco o l’isola di Murano.

Un altro metodo che vi consiglio per raggiungere Venezia, soprattutto se qualche ora di pullman non vi spaventa e volete risparmiare, è prendere Flixbus. La fermata più vicina a cui scendere è Tronchetto.  Arrivate con il bus della notte, verso le 5 di mattina? Nessuna paura! I vaporetti sono già in movimento a quell’ora e potrete muovervi senza problemi per raggiungere San Marco o le isole, e da lì la vostra destinazione. Considerate circa 30 minuti di percorrenza.

DSC_0351-min
Gondoliere a Venezia, ed è subito poesia

Venezia: vaporetto sì o no?

Percorrere i canali veneziani, respirando la città nella sua essenza, tra la sua storia, le sue micro e macro piazzette e le sue tantissime gallerie d’arte seminate ovunque camminando e passeggiando, è il modo che vi consiglio per conoscere e assaporare questa città. Ma è anche vero che in certi casi, ad esempio per raggiungere le isole e al vostro arrivo, così come alla vostra ri-partenza, il vaporetto è d’obbligo.

28167741_555419568159583_5749046770919933689_n-min (1)
Venezia Come, un libro che vi consiglio di sfogliare

Quello che vi consiglio per risparmiare qualcosina è quello di fare l’abbonamento giornaliero appena arrivati ( costa 20 euro a testa ) e dedicare la prima giornata alla visita delle isole limitrofe, in modo da sfruttare al meglio il vostro abbonamento. Grazie al vostro abbonamento, avrete a disposizione un numero illimitato di corse per le successive 24 ore.

Venezia: dove dormire

Durante il Carnevale, i prezzi sono indubbiamente alle stelle. Ma durante il resto dell’anno, soprattutto in inverno e in primavera, cercando un po’, potrete trovare numerose sistemazioni a poco prezzo. La terza e decisiva volta sono andata a Venezia con mia mamma e un paio di settimane prima della partenza abbiamo iniziato a cercare una struttura in cui dormire.

Ci siamo imbattute in un quartiere, Dorsoduro, che vi consiglio vivamente. Vicinissimo alle Gallerie dell’Accademia e al Museo Guggenheim, Dorsoduro è un quartiere a soli 15 minuti a piedi da Piazza San Marco. Poco caotico, il sabato mattino troverete il mercato di frutta e verdura galleggiante sui canali e tanti veneziani che fanno colazione nei bar.

IMG_20180216_081906-01-min
Venezia all’alba è incantevole

Noi abbiamo dormito qui, nel b&b Casa di Sara e ci siamo trovate molto bene. Silenzioso, con colazione inclusa e camere ampie e luminose, ve lo consiglio!

Venezia: 5 posti da non perdere secondo me

Se venite a Venezia e se ve ne innamorerete ( non importa che sia la prima o la decima volta qui!), fotografate tutto quello che vi fa battere il cuore, in modo da poterlo sfogliare con calma una volta tornati a casa. Perché in giro troverete così tanta beltà, da poter rimanere in un primo momento tramortiti. Ecco le cose che vi consiglio di fare:

  1. Mezza giornata all’isola di Burano

    27867327_555420214826185_7947479731156612945_n-min
    Pop Art a Burano

    Burano è davvero uno splendore! Non dico che sono ri-tornata a Venezia esclusivamente per vedere questa isola coloratissima, ma quasi. È un’isola piccolissima, in cui bar ed esercizi commerciali chiudono alle 17 in punto, ma è un luogo che non vi lascerà indifferenti: schiere di piccole casette colorate, una casa viola vicino a quella rossa e poi gialla, azzurra, rosa, verde, blu e via discorrendo.

  2. Tappa all’isola di Murano

    DSC_0287-min
    Murano la sera, tra la foschia

    L’isola di Murano una sera d’inverno. Silenziosa, nebbiosa, surreale, deserta. Qualche amico al bar a chiacchierare e ridere di gusto davanti a uno Spritz, qualche ristorante elegantissimo. Le piccole fornaci producono il vetro colorato e sognante che fa impazzzire il mondo intero e gli abitanti di qui la chiamano la piccola Venezia, perché le 9 piccole isole sulle quali è distribuita ricordano il modo in cui è distribuita Venezia.

  3. Scoperta della Libreria Acqua Alta

    DSC_0370-min
    Libreria Acqua Alta

    Uno dei luoghi più affollati e fotografati. La Libreria Acqua Alta è chiamata così non a caso. Quando a Venezia l’acqua è alta, significa che supera i 110 cm. In questo caso, la libreria, così come il resto della città, viene completamente invaso dall’acqua. Motivo per cui Luigi Frizzo, il proprietario, ha pensato di infilare pile e pile di libri in vasche da bagno, barche in disuso, gondole.

  4. A caccia delle opere di Street Art

    IMG_20180217_134507-01-min
    L’arte sa nuotare, street art a Venezia

    Dopo Firenze e Roma, la street art di Blub, così si chiama la creatrice di queste stampe seminate per Venezia, sbarca anche qui. L’opera non è inerente allo stretto legame tra la città e l’acqua come molti pensano, ma è un modo che l’artista ha ideato per comunicare un messaggio di ottimismo e positività nei confronti di un momento di crisi; saper nuotare e quindi destreggiarsi, anche con l’acqua alla gola ( ma grazie alla maschera da sub ).

  5. La vista dal Fondaco dei Tedeschi

    IMG_20180217_131752-01-min
    La vista dalla terrazza del Fondaco dei Tedeschi

    Da circa un paio di anni il Fondaco dei Tedeschi ha riaperto, dopo gli ingenti lavori di recupero e ristrutturazione, trasformandosi in uno store di lusso. Immaginatevi un grande e moderno centro commerciale, in un luogo storico. Questa scelta ha portato con sé numerose critiche, ma la cosa più positiva è che la bellissima terrazza con affaccio sul Canal Grande è accessibile e – tra l’altro – è gratuita. Nei periodi di maggiore affollamento e durante i week-end vi verrà chiesto di prenotarvi. Potete farlo tranquillamente tramite il vostro cellulare o i tablet forniti sul posto, poco prima della vostra visita.

    Venezia: 2 film per conoscerla o per non dimenticarla

Centinaia e centinaia di film sono ambientati a Venezia e mai oserei elencarveli tutti. Posso però dirvi che due film ambientati nella città sull’acqua mi sono piaciuti e mi hanno colpito particolarmente per il modo scelto per raccontarla: Dieci Inverni ( 2009 ), racconta per dieci anni la storia di una coppia di amici, fidanzati, amanti. Viene narrata quella parte di Venezia schiva, timida, nebulosa, nostalgica. La colonna sonora di Vinicio Capossela è il fiore all’occhiello. The Tourist ( 2010 ), di tutt’altro genere. Con due attori hollywoodiani mastodontici, ma anche con numerosissimi attori italiani, narra la Venezia più sfavillante, lussuosa, romantica ed elegante. 

 

4 pensieri riguardo “Venezia: consigli pratici e luoghi del cuore da non perdere

  1. Io sono veneziana, sei la prima persona che sento dire “proprio non mi è piaciuta”. Però ci sei tornata e mi fa piacere che poi tu abbia cambiato idea …. perché mi sembrava un po’ assurdo. Ci sono molte cose da vedere a Venezia e il tempo non basta mai.

    Liked by 1 persona

    1. Ciao! Secondo me invece capita spesso che quello che piace a tanti, se non a tutti, non ci convinca fino in fondo. Però, non so perché, ce lo teniamo per noi. Non ne ho scritto prima perché nonostante le avessi già dato due possibilità, come ho scritto nell’articolo, non mi era piaciuta e per policy del mio blog non scrivo di cose che sconsiglio o che non mi sono piaciute. Venezia non mi aveva colpito, o comunque non come mi aspettavo e quindi ho aspettato. Ero comunque consapevole di non averla vissuta come dovevo: per questo ho scelto l’inverno, pochi turisti, poco caos. Solo io e lei. Grazie per essere passata di qui, un saluto! 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...