Polignano a Mare, dove i naviganti incontrano i poeti

Pare che il destino di Polignano a Mare sia stato preveduto dagli antichi. Secondo alcuni studiosi il nome di questo borgo dalla bellezza senza tempo deriverebbe da Polimnia, la musa dell’orchestica, arte scenica della poesia, della musica e della danza. Polignano, con le sue casupole bianche a strapiombo sul mare, le stradine strette e le svariate terrazze romantiche, è una piacevole scoperta per i viaggiatori che amano la letteratura. Continua a leggere “Polignano a Mare, dove i naviganti incontrano i poeti”

Quel faro…

Ci sono posti che rimangono nel cuore, così, chissà perché. Di solito, quelli che rimangono in un posto speciale del mio di cuore, sono alienati, solitari, magnificamente belli.

A Capo d’Otranto, un tempo Punta Palascia, sorge un meraviglioso faro. E’ stato costruito nel 1867 e dopo un lungo abbandono è stato restaurato. Oggi ospita il Museo e Osservatorio sull’Ecologia e salute degli ecosistemi Mediterranei. Si cammina in una stradina rocciosa, direzione verso il mare. Più si cammina, più lo si vede e più lo si vede, più non si può fare a meno di camminare più veloce. Un po’ più in là, quando il mare è agitato, una scia, che segna l’incontro tra mar Ionio e mar Adriatico.

Andateci, e portate qualcuno che amate.

DSC_0329