DSC_0605
Entrata dell’ex stabilimento Florio

Una mattina, dei giorni trascorsi sull’isola di Favignana, abbiamo deciso di andare a visitare l’ex stabilimento Florio, gioiello di archeologia industriale e orgoglio dei favignanesi. Gli orari di apertura nel periodo estivo sono dalle 10:00 alle 13:30 e dalle 17:00 alle 23:30. C’è la possibilità di fare le visite guidate in tre orari: 10.30 – 11.15 – 12.00 – 17.15 – 18.00 – 19.00 – 20.00 – 21.00 – 22.00. Il lunedì è chiuso.
Se potete e riuscite, optate per la visita guidata: è un valore aggiunto da non perdere. La nostra guida, Francesca, ci ha portati alla scoperta del meraviglioso mondo dei tonnaroti, della tonnara e di tutti i favignanesi che hanno lavorato all’interno. La storia dello stabilimento si intreccia con quella della famiglia Florio prima e della famiglia Parodi successivamente, che diede agli isolani la possibilità di riscattarsi dalla povertà avendo una fonte di sussistenza economica.

All’interno dell’ex Stabilimento Florio è presente un museo archeologico con reperti trovati sulle isole Egadi, come anfore, statue, risalenti a diverse epoche storiche, tra cui l’epoca delle guerre puniche.

DSC_0615
Anfore all’interno del Museo Archeologico
DSC_0609
Scorci del Museo Archeologico
DSC_0616
Scorci del Museo Archeologico

Il primo nucleo dello stabilimento, che oggi si estende per 32mila metri quadrati, risale al 1859, anno in cui il genovese Giulio Drago prese in affitto la tonnara di Favignana. Il grandioso stabilimento prese però vita solo grazie al senatore Ignazio Florio (1838-1891) che nel 1878 fece ristrutturare i fabbricati della tonnara. In realtà, ci ha spiegato Francesca, il termine tonnara viene spesso usato impropriamente (io l’ho appena fatto) : la tonnara non è l’edificio, ma la rete caratteristica utilizzata per la pesca dei tonni. Dopo lo splendore e il riscatto della famiglia Florio, si imporranno sulla scena i Parodi, nuovamente genovesi, che acquisteranno lo stabilimento nel 1937. Lo stabilimento continuò a lavorare proficuamente, essendo una delle principali fonti economiche dell’isola. Purtroppo negli anni Settanta cessò definitivamente la sua attività non potendo più essere competitivo nel mercato del mar Mediterraneo. Probabilmente la cessazione dell’attività fu anche dovuta al grande numero di tonnare volanti non regolamentate.
Sembra che l’isola di Favignana abbia  nuovamente chiesto la concessione delle quote per la pesca del tonno e ci sono buone speranze che lo stabilimento riapra con il pregio di essere il più sostenibile d’Europa.

DSC_0760
Lo stabilimento Florio visto dalla spiaggia La Praia

Lo stabilimento è immenso e interamente costruito con il tufo, risorsa dell’isola e pietra con cui sono costruite anche la maggior parte delle case degli isolani. Grazie alla sua caratteristica di materiale isolante, è l’ideale per costruire case e strutture a pochi passi dal mare e in zone molte ventilate come lo sono le isole. L’importante lavoro di restauro effettuato tra il 2003 e il 2009 ha fatto rivivere i numerosi ambienti, come uffici, magazzini, falegnameria, spogliatoi per gli uomini e spogliatoi per le donne, galleria delle macchine, forni utilizzati per la cottura, le tre alte ciminiere, la stanza dell’olio, il marfaraggio…

DSC_0632
Vista sull’entrata del Porto
DSC_0612
Ambienti all’interno dello Stabilimento. Sulla sinistra si può osservare il nucleo dello stabilimento “Torino”

La pesca con la tonnara fissa racchiude storia e cultura, riti, sapere e tradizioni che si tramandano da generazioni. Poco è cambiato dai tempi dei Fenici o degli Arabi, le tecniche utilizzate sono praticamente le stesse. Il rais, a poppa della muciara, prega il suo Dio e i santi perché il mare sia generoso, i tonni in trappola vengono spinti all’interno della tonnara da una camera all’altra, fino alla camera della morte, dove inizia la mattanza.I tonnaroti issano gli enormi pesci a bordo e li colpiscono con gesti rapidi e precisi per non essere colpiti dai colpi di coda, il mare si tinge di rosso. Una visione che può sembrare cruenta, ma che ha il benestare degli ambientalisti ed è ritenuta una delle soluzioni più ecosostenibili per la pesca del tonno rosso. Vengono uccisi solo gli esemplari adulti, mentre quelli più giovani e specie di altro tipo vengono liberati.

DSC_0611
Incisione riguardante la mattanza del 1859
DSC_0625
Una serie di magazzini erano destinati al riempimento delle scatole e alla conservazione del prodotto
DSC_0624
Scatolette del tonno con il marchio dei Florio
DSC_0618
Scatolette del tonno con il marchio dei Florio

Dopo la mattanza i tonni venivano portati nei pressi dello Stabilimento. Gli operai staccavano la testa ed estraevano le interiora e una volta sventrato, il tonno veniva trasportato in magazzini dal tetto basso da cui pendevano numerose corde. Appesi per la coda per parecchie ore, perché il sangue potesse colare, gli operai chiamavano questo luogo il bosco, probabilmente perché i numerosi animali appesi uno accanto all’altro ricordavano fitti alberi.

DSC_0631
Il “bosco”, dove i tonni venivano appesi
DSC_0630
Carriole in legno utilizzate per lo spostamento degli animali

Tra una mattanza e l’altra, la tonnara, ossia la rete utilizzata per la pesca dei tonni, veniva riparata e ricucita nelle parti in cui si era lesionata e le imbarcazioni venivano poste nel marfaraggio, luogo in cui avvenivano le operazioni di riparazione, verniciatura e ricovero prima della mattanza successiva.

DSC_0633
Il marfaraggio, ossia il ricovero delle barche
DSC_0635
Una ricostruzione della tonnara con tutte le sue stanze subacquee

Il posto che ho trovato più suggestivo è stato il vasto spazio in cui, di fronte, alla parte di stabilimento chiamato “Torino”, si trovano le tre altissime ciminiere. Anche di notte, grazie a un attento gioco di illuminazione, sono ben visibili.

DSC_0637.JPG
Le ciminiere di fronte allo spazio “Torino”

C’è una piccola sezione dedicata alla famiglia dei Florio, due installazioni multimediali olografiche di grande effetto e suggestione dove sono raccolte le testimonianze dei favignanesi che hanno lavorato in questo stabilimento. Sono presenti inoltre una saletta per la proiezione di filmati storici, due sale dedicate all’esposizione delle immagini dei grandi fotografi dell’agenzia Magnum, una serie di pannelli didattici sulla pesca e sulla lavorazione del tonno. All’interno del complesso, nella grande “Galleria delle Macchine”, è stata realizzata una sala convegni da 400 posti.

Potrebbe interessarti anche :

Alla scoperta del Castello Santa Caterina

Le calette e le spiagge di Favignana

Favignana, l’isola che non c’è