Itinerario all’isola d’Elba 4 giorni | Alla scoperta della più grande delle isole dell’Arcipelago Toscano

Mi ha fatto innamorare: tornata a casa ho parlato a chiunque dell’isola d’Elba, del suo mare incantevole, delle sue spiagge, delle mille possibilità che offre questa isola. Cercate di concedervi almeno 4 giorni per esplorare l’isola d’Elba, in un itinerario che tocca tutti i punti principali dell’isola e vi dà anche il tempo di tornare in un luogo che avete particolarmente amato. In 4 giorni è fattibile, in meno giorni rischiate di non godervi appieno quest’isola, davvero speciale e suggestiva: una delle perle che adornano l’arcipelago toscano. Come dividere i giorni? Come trovare un punto di incontro tra vita da spiaggia e qualche visita? Ecco un itinerario all’isola d’Elba 4 giorni, da seguire alla lettera o da rimescolare, a seconda delle vostre esigenze.

Informandomi un po’ prima di partire, riguardo qualche consiglio pratico per organizzare il nostro on the road, ho trovato praticamente ovunque questo consiglio, che giro a mia volta a voi: dividete l’isola in tre parti immaginarie e dedicatevi a ciascuna di esse secondo le vostre preferenze e il tempo a disposizione. La parte a est è quella di Rio Marina, Capoliveri e Porto Azzurro, la parte centrale è quella di Portoferraio e la parte a ovest è quella di Marciana Marina. Se avete quattro giorni a disposizione, decidete a quale parte dedicare un giorno in più rispetto alle altre.

Il tempo che dedicherete alle tre parti dell’isola dipende ovviamente – ed esclusivamente – da voi. Preferite fare più vita da mare? Non vedete l’ora di scoprire quante più possibili spiagge dell’Elba? Mentre siete lì il tempo non è bellissimo e preferite visitare quello che l’isola ha da offrire?

Itinerario all’isola d’Elba 4 giorni : zona est

Miniere, Porto Azzurro, sentieri

Per sfruttare al meglio il tempo che avete a disposizione, vi consiglio di arrivare al mattino presto per avere tutta la giornata, o la sera tardi, magari con l’ultimo traghetto. In questo modo al mattino sarete già sull’isola per partire alla sua scoperta. Capoliveri è perfetta come zona per soggiornare, a pochi minuti di auto da Portoferraio e dalle sue spiagge vicine, vicino alla vivace Porto Azzurro e alle belle spiagge del sud dell’isola. Anche i dintorni di Portoferraio non sono male come scelta per soggiornare, anche se vi consiglierei di evitare il centro storico perché se siete in auto, il parcheggio è a pagamento e le strade più trafficate rispetto al resto dell’isola.

IMG_20190720_204331
L’isola d’Elba e i suoi tramonti sul mare

La zona est dell’isola fa per voi se amate le piccole cittadine di mare, i resti archeologici e le altezze. Porto Azzurro è un piccolo borgo di pescatori, gradevole per una passeggiata o un pranzo veloce e per un bagno. I suoi abitanti, quasi 3700, si chiamano portazzurrini. Non da sempre, però: fino al 1947 infatti, Portoazzurro si chiamava Portolongone, nome che gli fu assegnato nel 1603 da Filippo III di Spagna che aveva l’intenzione di fare, di Portoazzurro, una città fortificata a difesa del territorio. Perfetta per chi vuole nuotare e godersi il mare, da Portoazzurro partono anche numerosi sentieri escursionistici, vista mare. Poco fuori il paese, inoltre, sono presenti le insegne per raggiungere il Santuario della Madonna di Monserrato, costruito nel 1606 dal governatore spagnolo Pons Y Leòn: suggestivo e immerso nella natura più aspra dell’isola.

Se siete appassionati di storia e archeologia vi consiglio anche di visitare la Villa Romana delle Grotte, cantata da Ovidio, offre anche un panorama stupendo sul golfo di Portoferraio. Se non siete stufi di panorami mozzafiato, dal Castello del Volterraio si gode di una vista quasi totale dell’isola e del resto dell’Arcipelago Toscano. Inoltre, vi trovate nella fortificazione più antica di tutta l’isola. 

La parte orientale dell’isola è famosa proprio per le miniere di Rio Marina, un museo minerario a cielo aperto. Un tempo considerata la capitale del ferro dell’isola d’Elba, oggi è diventata un museo di miniere a cielo aperto, come la miniera di Rio Marina che arriva fino al Monte Giove, le miniere di Terranera e Capobianco, la miniera di Ortano. Si estraeva ematite, pirite, limonite, cristalli di hedembergite, magnetite. Tante delle vecchie miniere sono oggi laghetti artificiali.

Spiagge da non perdere: la spiaggia di Terranera, la Spiaggia Reale, Cala Seregola, Topinetti, Malpasso.

Itinerario all’isola d’Elba 4 giorni : zona centrale

Le spiagge più belle, la residenza in cui Napoleone venne esiliato

Portoferraio va visitata, per forza. Dedicate almeno mezza giornata a questa cittadina di porto, ma con spiagge e curiosità imperdibili. Il suo centro storico è un susseguirsi di casette colorate nei toni pastello del rosa e dell’ocra, ristorantini deliziosi e scorci sul porto. Se alloggiate autonomamente in un appartamento, sappiate che a Portoferraio ci sono i due supermercati più grandi dell’isola, perfetti per fare qualche provvista o prendere qualcosa al volo per la giornata.

IMG_20190720_143155
Portoferraio nella zona del porto

Lasciate l’auto e inoltratevi tra le stradine antiche di Portoferraio, durante il giorno poco affollate. Proprio durante la vostra passeggiata, fermatevi a visitare la Villa Napoleonica dei Mulini, residenza in cui Napoleone trascorse circa 300 giorni, durante il suo esilio all’Elba e in cui non rinunciò a comodità e vita mondana. Terminata la visita alla Villa dei Mulini, visitate anche il Forte Stella, in cui si trova un grande faro definito dagli storici come uno dei più belli e maestosi del Mar Mediterraneo.

IMG_20190720_141141 (1)
Il giardino di Villa Napoleonica dei Mulini e in fondo il faro, Forte Stella

La parte di Portoferraio è stata quella che ho preferito, per la sua importanza storica e per le sue spiagge, una più meravigliosa dell’altra.

Spiagge da non perdere: la spiaggia Le Viste, Capo Bianco, Le Ghiaie, Cala dei Frati, Schiopparello, Sansone.

Itinerario all’isola d’Elba 4 giorni : zona ovest

Il versante occidentale dell’isola è quello di Marciana Marina, un borgo di pescatori e di mare. Proprio qui si trova il Cotone, la zona più antica della località, con casette colorate che affacciano sulla riva. A Marciana Marina è possibile prendere la funivia fino al Monte Capanne, la vetta più alta di tutta la provincia. 

Se amate i piccoli paesi e i panorami dall’alto non perdetevi San Piero e Sant’Ilario. Proprio da quest’ultimo, che si trova arroccato su una collina, potrete scorgere in lontananza la Corsica, Pianosa, Montecristo e il Giglio.

Spiagge da non perdere: la spiaggia di Fetovaia, Cotoncello, Colle Palombaia, Cavoli.

2 pensieri riguardo “Itinerario all’isola d’Elba 4 giorni | Alla scoperta della più grande delle isole dell’Arcipelago Toscano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...