Piombino, Cala Violina, Punta Ala, Castiglione della Pescaia

Giugno, caldo torrenziale, settimana libera e decidiamo di partire alla volta della Toscana. Ero stata diverse volte in questa regione meravigliosa, più volte a Firenze e giusto un anno prima sulla costa del Lido di Camaiore, ma mai per un on the road vero e proprio come piace a me, lontano dalle solite e indiscutibilmente belle mete e alla scoperta dell’Altra Toscana, quella meno frequentata dai turisti.
Vi racconto il mio itinerario di una settimana in Toscana, sperando che abbiate la fortuna di ripercorrerlo al più presto!

DSC_0081
Amo i girasoli, ve ne eravate accorti?

Itinerario di una settimana in Toscana: Piombino

Siamo partiti alla volta di Piombino, secondo porto dopo quello più grande di Livorno e conosciuta – appunto – per essere principalmente un porto, in cui i traghetti per l’Isola d’Elba partono continuamente. In realtà Piombino è una città che sa offrire anche altro, soprattutto per il suo essere base di numerosi luoghi d’interesse. Conoscevo già Piombino ed ero rimasta – anche in passato – piacevolmente colpita dalle sue viuzze nel centro storico, zona pedonale ricca di ristorantini e localini, durante le serate estive stracolme di turisti. Piombino è il punto in cui inizia il meraviglioso Golfo di Follonica, da visitare tutto e più volte!

DSC_0042
Piazza Bovio e il faro di Piombino
DSC_0026
Piombino, la Cittadella
DSC_0009
Piombino, durante giugno numerosissime sono le Sagre!

Cosa non perdere: Piazza Bovio con il suo faro, da cui godere di una meravigliosa vista sull’isola d’Elba e sulle Isole Minori, Capraia, Pianosa, Montecristo, che fanno parte del Parco Nazionale dell’ Arcipelago Toscano, il più grande Parco Marino d’Europa.

Dove abbiamo dormito: Abbiamo dormito a casa di Matteo, bilocale trovato su Airbnb, comodissimo perché il centro di Piombino era raggiungibile a piedi (parcheggiare può essere un problema!) e una casa assolutamente in linea con le nostre necessità di prepararci il pranzo da mangiare fuori, fare colazione e mangiare ogni tanto a cena senza spendere.

Itinerario di una settimana in Toscana: Cala Violina

Piombino non ha spiagge libere bellissime, così ci siamo sempre spostati, tornando solo la sera per cena o dopo. Una delle spiagge più meravigliose che ambivo di visitare da tantissimo è Cala Violina, chiamata così perché la sua sabbia sotto i piedi, grazie della sua particolare composizione, ricorda il suono di un violino. Ho camminato e ricamminato a piedi scalzi e purtroppo ho sentito la melodia di un violino solo con una grande forza dell’immaginazione! Il fragore del mare non consente di sentire tantissimi altri suoni della natura circostante.

DSC_0098
La strada per raggiungere Cala Violina

Percorrendo la statale verso Punta Ala, arriverete in mezzo a campi di grano e girasoli in cui una piccola insegna e una coda di macchine vi indicherà che siete arrivati a destinazione. Potete lasciare la macchina al parcheggio pagando circa 5 euro per tutto il giorno e poi, prendete tutto quello che pensate possa servirvi e dirigetevi verso la spiaggia. La strada, in mezzo agli alberi, è ombreggiata e quindi piacevole, ma sicuramente non vedrete l’ora di farvi un bel bagno ristoratore appena arrivati. Più siete leggeri e meglio è, perché la strada da fare a piedi non è brevissima. Considerate però che arrivano passeggini e bambini molto piccoli, quindi non è impossibile!

DSC_0164
Tramonto da Cala Violina
DSC_0144
Tramonto da Cala Violina

Abbiamo deciso di rimanere per vedere il tramonto e poco dopo che il sole si è abbassato, abbiamo capito perché fossimo gli UNICI a farlo! La sera è scesa velocemente e ci siamo ritrovati nella strada – fatta all’andata – in mezzo al bosco, a farla quasi di corsa per paura che diventasse buio totalmente!

Però, lo rifarei (magari attrezzandomi con una torcia): il tramonto da Cala Violina è semplicemente splendido!

Itinerario di una settimana in Toscana: Punta Ala

Il giorno successivo ci siamo diretti a Punta Ala, chilometri e chilometri di spiagge con sabbia finissima in cui è impossibile non trovare un posticino appartato. Punta Ala ha un fondale basso e sabbioso, ideale per giocare in riva al mare, ma è anche un posto molto ventoso, amato soprattutto da chi fa sport – o anche solo a chi non vede l’ora di far volare il proprio aquilone! Ci sono lidi attrezzatissimi e spiagge libere anche per chi non rinuncia a portare in spiaggia il proprio amico a quattro zampe.

DSC_0222
Punta Ala
DSC_0214
VIAGGIO in Toscana

Itinerario di una settimana in Toscana: Castiglione della Pescaia

E poi fu amore. A prima vista. Ero stata a Castiglione della Pescaia non tantissimi anni prima e l’ho trovata rinata, (ri)fiorita, in un sali e scendi di ristoranti raffinati, librerie, panorami mozzafiato. Con il suo lungomare, in cui il pomeriggio è possibile comprare il pesce che i pescatori non hanno venduto ai ristoratori al mattino, il canale, le barche, i locali che si affollano all’ora del tramonto.

DSC_0259
Castiglione della Pescaia, tra un sali (e scendi)
DSC_0274
Castiglione della Pescaia. E, per me, fu amore a prima vista
DSC_0275
Castiglione della Pescaia, amo i ristoranti pieni di dettagli

Da Piombino sono parecchi chilometri, essendo già in provincia di Grosseto, ma non è infattibile farlo anche solo per una giornata!

>Tra qualche giorno sarà online la seconda parte del mio itinerario in Toscana!<