In tanti mi avete scritto e chiesto consigli su dove alloggiare a Budapest, come raggiungere la città dall’aeroporto, quali siano le terme migliori e come attrezzarsi. Ecco alcuni consigli che spero possano essere utili per il vostro viaggio in questa magica città.

AEROPORTO-CITTÀ

Come in tutti gli aeroporti esistono diverse possibilità per raggiungere il centro città, a seconda di quanto volete spendere e che tipo di viaggiatore siete. Le compagnie aeree low cost come Ryanair, Easyjet e Wizz Air, decollano nell’aeroporto di Liszt-Ferenc che dista circa 30/45 minuti dal centro città. Il modo più economico e devo dire anche comodo è usare il bus 200E che vi condurrà fino a un grande centro commerciale in cui troverete la Metro 3 (M3), fermata Kőbánya-Kispest, che successivamente vi condurrà fino in centro città, alla fermata più comoda per voi.
La metro di Budapest è la più antica d’Europa, ma io l’ho trovata comoda, efficiente ed … economica ! Il biglietto costa circa 320 fiorini (circa 1,05€), con un lieve sovrapprezzo se lo acquistate direttamente sul mezzo. Cosa che vi sconsiglio, più che altro perché è buona norma che diate i soldi (quasi) giusti all’autista e magari appena arrivate avete tutti pezzi grossi. Io l’ho acquistato all’ufficio turistico dell’aeroporto. Vanno acquistati due biglietti diversi, uno per il bus e uno per la metro. Ho fatto che comprare anche quelli per il ritorno, così mi sono tolta il pensiero.
Chi alloggia in centro quasi sicuramente dovrà scendere alla fermata Deak Ferenc Tér, punto di incrocio di tutte e tre le linee della metro. La metro e i bus li ho usati solo come transfer da/per aeroporto, ma trovo che siano una buona soluzione per chi ha pochi giorni e voglia di visitare il più possibile.

EURO-FIORINI UNGHERESI

In Ungheria la moneta utilizzata non è l’euro, ma il fiorino ungherese che, quasi sicuramente vi riempirà il portafogli. Un euro equivale a circa 310 fiorini, quindi quasi sicuramente penserete di essere ricchi ma così non è. Io ho deciso di cambiare in aeroporto e i soldi mi sono bastati, quindi non so se convenga meno o di più in altre parti della città. Quello che sicuramente vi consiglio è di non cambiare cifre molto alte, sia perché in molti posti accettano gli euro sia perché poi rischiate di avere troppi fiorini in esubero che non avete speso e con cui, una volta arrivati in Italia, farete ben poco. Vi dico questo perché la vita a Budapest è molto più economica, sia per mangiare sia per tutto quello che riguarda i divertimenti.

TERME

In tantissimi mi avete chiesto consiglio sulle terme. Ovviamente, ho un’idea chiara solo su quelle in cui sono stata io. Le terme a Budapest sono un vero e proprio must e credo che anche per chi non è solito recarsi in queste oasi del benessere, siano una tappa fondamentale, essendo così importanti per la città e i suoi abitanti. Durante la mia permanenza, essendo inverno, ho deciso di visitare e andare in giro durante il giorno e recarmi per due sere alle terme. Andando nel tardo pomeriggio ho potuto riposarmi dall’intera giornata e non perdere ore importanti di luce e sole per andare alla scoperta della città.
Sono state alle terme Szechenyi e alle terme Géllert. I bagno termali Szechenyi si trovano nella parte nord della città a poche centinaia di metri da Piazza degli Eroi. Sono molto popolari, sembrano tante stanze con piscine e sono dotate anche di un’ampia vasca esterna, secondo me la parte più bella !
La vasca esterna ha una gradazione che si aggira intorno ai 30-35° ed è meraviglioso immergersi dopo la stanchezza e il freddo di tutta la giornata.

15202500_350469531987922_64301421478776789_n
Vasca esterna, terme Szechenyi

Le Terme Géllert, invece, si trovano nella parte antica della città di Buda, sulla collina Géllert che merita sicuramente una passeggiata. Sono terme annesse a un hotel, più colorate e particolareggianti, con i loro meravigliosi mosaici. Anch’esse sono dotate di una sauna e una piscina sul tetto, con una gradazione che raggiunge quasi i 40° . Durante l’estate la parte superiore si trasforma in una vera e propria piscina all’aperto con vasca delle onde, sdrai, ombrelloni.

15284117_351421961892679_9169400934705147202_n-1
Terme Géllert, Budapest
15349546_351421898559352_4439172004658770825_n
Terme Géllert, Budapest

Le terme a Budapest sono sicuramente molto più economiche rispetto che in Italia.
Ma… non immaginatevi le nostre SPA, sono tutt’altro. I bagni termali vengono visti come una necessità per la propria salute, tanto che sono numerosissime anche le donne incinte e i bimbi piccoli. Sono molto affollate e spesso chiassose, ma vi assicuro che la cosa non vi impedirà di rilassarvi !
Il loro costo cambia a seconda che andiate nei giorni feriali o durante il weekend, e che prendiate la cabina privata o decidiate per gli spogliatoi normali. Il costo si aggira tra i 13 e i 17 euro. Al momento del pagamento dell’ingresso, vi verrà dato un braccialetto con un chip che vi permetterà di aprire e chiudere gli armadietti con le vostre cose dentro. Quello che vi consiglio vivamente è di portarvi tutto da casa: accappatoio, costume e ciabatte. È possibile noleggiarli, ma tra noleggio e cauzione vi costa quasi come un ingresso e non conviene assolutamente.
La cuffia è necessaria solo per entrare nella piscina centrale delle terme Géllert, in tutte le altre vasche è possibile entrare senza.

ALLOGGIO

Le sistemazioni a Budapest sono le più varie ! Nel cercare una sistemazione per il mio viaggio, ho trovato numerosi hotel a poco prezzo. Ma non solo, mi sono stupita di quanti ostelli ci fossero. Non pensate agli ostelli brutti e tristi con migliaia di letti in una sola stanza. I dormitori che ho trovato su Booking erano dei veri e propri B&B, dotati di spazi comuni e numerosi avevano camere matrimoniali, triple o quadruple. Se fossi stata in compagnia di amiche, credo che potesse essere la soluzione più comoda ed economica, ma essendo sola ho preferito affidarmi a Airbnb, come faccio (quasi) sempre.
La casa che ho scelto è molto vicina alla fermata della metropolitana, nella zona della Cattedrale di Santo Stefano (trovate il link di Airbnb qui). Mi sono sempre potuta muovere a piedi, ero a pochi minuti sia dal Parlamento sia dal Ponte delle Catene. Inoltre, la via in cui si trovava la casa era illuminata e piena di ristoranti e negozi e questo mi ha permesso di rientrare tardi la sera senza problemi.

PARLAMENTO

La visita al Parlamento è meglio prenotarla dall’Italia, attraverso l’apposito sito. In questo modo potrete decidere la data, l’orario e la lingua che preferite. Le visite sono principalmente al mattino e c’è anche la visita in italiano. Il giorno stesso, basterà presentarvi direttamente all’ingresso circa 20 minuti prima, senza dover prima passare dalla biglietteria. Non prenotando la visita rischierete di non trovare più i biglietti il giorno stesso o di non trovarli nella lingua che preferite. Nel caso in cui decidiate all’ultimo, vi consiglio di dirigervi al Parlamento verso le 8.30, sperando di trovare ancora qualche posto disponibile. La visita dura circa 1 ora e tutte le zone visitate sono fotografabili, ad eccezione della Corona Ungherese.

dsc_0772
Parlamento Ungherese