Travel Listography: esplorare il mondo con le liste | Regalo originale per viaggiatori e viaggiatrici

In certi momenti della vita un viaggio può essere un atto curativo, un percorso di rinascita. Non importa che sia un viaggio breve o lungo, nella nostra meta dei sogni, oppure un giro in un angoletto sconosciuto della nostra città: ci sono momenti in cui abbiamo necessità di prenderci un momento per noi. Staccare la spina e scoprire qualcosa di nuovo, esplorare, oppure tornare in una meta conosciuta, un posto per noi sicuro, e rivederlo con occhi nuovi. Voi avete mai viaggiato con le liste? Vi racconto cos’è Travel Listography.

Il viaggio è qualcosa che comincia molto prima della partenza e continua per molto tempo dopo il ritorno.

Una volta provata l’esperienza del viaggio, solitamente è difficile farne a meno e si cerca di ripeterla ogni qualvolta è possibile. O almeno così è successo a me, fin da bambina vagabonda nell’animo, per un periodo della vita pallina impazzita, ora viaggiatrice incallita ma con la consapevolezza di avere un porto sicuro a cui tornare. Per me è diventato fonte di cura per me stessa e di piacere anche il sognare e pianificare le mie “fughe”, e allo stesso modo ricordarle.

Conservare i ricordi dei viaggi : non solo diari, taccuini e biglietti

Ho sempre tenuto dei diari di viaggio in cui tenere tutto il materiale relativo alla pianificazione, trascrivere impressioni di viaggio e conservare biglietti da visita, targhette dei ristoranti, e qualunque cosa mi possa aiutare a riallacciarmi alle memorie di quel viaggio. Poi, facendo un giro in una libreria, mi sono imbattuta in Travel Listography. L’ho aperto pensando che fosse un quaderno da poter utilizzare come diario di viaggio, ma ho scoperto che è qualcosa di molto più complesso, ed è uno strumento che mi sta aiutando tantissimo nel mio intento di “autocura” attraverso i viaggi. In pratica ha preso il posto d’onore all’interno del mio “kit cartaceo” dedicato ai viaggi. A ciascun viaggio dedico un vero e proprio diario, in più mi munisco di ulteriori block notes o agendine per appuntare ciò che non voglio inserire nel diario,che poi cambio a viaggio finito, mentre Travel Listography può essere usato praticamente infinite volte.

Travel Listography: come funziona?

Molto curato nella struttura e nelle sue grafiche, fa parte di una collana denominata appunto listography, che, prendendo in considerazione una tematica alla volta ( ce ne sono di tanti tipi: musica, letteratura, cibo, cinema..) si propone di lavorare su quella tematica attraverso liste dai titoli proposti dall’autrice che si possono poi liberamente compilare.

Nel caso specifico del viaggio, questo quaderno, un po’ più piccolo di un foglio A4, si compone di 160 pagine, in cui ci sono diverse illustrazioni a colori a tema viaggio molto suggestive e il prezzo di listino è di 16 euro e 50. Attraverso questo strumento è possibile avere una raccolta trasversale di tutti i viaggi presenti, passati e futuri e non solo.

cities and coutries-min
Con Travel Listography è possibile avere una raccolta trasversale di tutti i viaggi presenti, passati e futuri.

È anche possibile inserire i luoghi preferiti della propria città o della propria quotidianità, ristoranti e locali che si vogliono provare o che si sono provati.
Inoltre ci sono anche suggestioni molto originali a cui non mi era mai capitato di pensare prima di avere questo quaderno. 

songs-min
Ci sono tantissime suggestioni riguardo al viaggio, a cui non mi era mai capitato di pensare.

Un’altra idea a mio modo di vedere molto utile è che all’interno vi sono spazi dedicati in cui inserire informazioni utili all’organizzazione di viaggi in generale come ad esempio la voce “ la mia checklist per la valigia”, oppure “siti web di viaggio preferiti”. Infatti è possibile che, non essendo questi siti che consultiamo quotidianamente ma solo in occasione di viaggio, con il passare del tempo, o nella fretta di un viaggio organizzato all’ultimo, ci si possa scordare di fonti di informazioni preziose.

La parte che personalmente mi appassiona di più è quella dedicata alla riflessione sul viaggio. Attraverso spunti come “persone memorabili o guide che ho incontrato”, oppure “cose che ho imparato dai viaggi”, o ancora “cose che faccio solo quando sono in viaggio e a casa non faccio”, “cose che odio e amo del viaggiare”, “il mio primo sogno di viaggio”, si è spinti a pensare e ripensare al viaggio in un modo nuovo, che sicuramente ci farà scoprire qualcosa su noi stessi.

togaphy-min
Quante e quali sono le cose che fate in viaggio ( e a casa no ) ?

Ciò che invece mi ha fatto davvero affezionare al mio quaderno, è l’idea che sia un po’ un sempreverde che potrò portare con me negli anni, sfogliare e risfogliare, magari sorridere delle cose che scrivevo nel passato, trovare informazioni e dettagli utili che pensavo si fossero persi nel corso degli anni, e spuntare la wishlist dei viaggi che sicuramente sarà sempre più piena di tacche, ma anche di nuovi viaggi dei desideri.
Per tutti questi motivi secondo me Travel Listography potrebbe essere un regalo natalizio (o auto regalo) molto gradito ai viaggiatori e viaggiatrici, un oggetto molto utile ma allo stesso tempo sfizioso e con un rapporto qualità prezzo a mio modo di vedere ottimo!

1553125_10205575910065748_5565239713466590427_o
Scritto da Giorgia Finiguerra

Torinese, 29 anni, psicologa. Per lei il viaggio è il brivido lungo la schiena quando sa di averne prenotato un altro, è far rinascere tutti e cinque i sensi. Tornare in posti cari ed esplorarne di nuovi.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...